Sanremo, Famiglia Cristiana sostiene Junior Cally

Nell’articolo pubblicato sul settimanale cattolico ci si chiede: «Dove eravamo noi adulti mentre i ragazzi ascoltavano canzoni che ora scopriamo essere piene di violenza?»

Famiglia Cristiana promuove il Junior Cally, il rapper della discordia. Tra i testi sotto accusa in particolare si parla molto di “Strega”, brano del 2017, dove si sentono frasi come «Si chiama Gioia perché fa la tr..a. Questa non sa cosa dice, porca tr..a quanto c…o chiacchiera. L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C’ho rivestito la maschera». Il settimanale cattolico però non solo non invoca alcuna censura nei confronti della sua partecipazione a Sanremo ma rivolge l’invito a farne un’occasione di dialogo, anche sul linguaggio del rap, con i propri figli.

In un articolo a firma di un’insegnante delle superiori, Maria Galelli, intitolato “Anche il rap può aiutarci a conoscere i nostri figli” si legge: «Dove eravamo noi adulti mentre i ragazzi ascoltavano canzoni che ora scopriamo essere piene di violenza? Lo show diventi l’occasione per discuterne insieme».

(ph: shutterstock)

Tags: