«Pfas, no lezioni da enti che hanno inquinato»

In questi giorni le Mamme No Pfas del Veneto interverranno in Piemonte, a Spinetta Marengo e a Taranto «per portare la loro testimonianza di lotta alla ricerca di verità, di confronti con le istituzioni per ottenere tutela della salute e dell’ambiente. Il nostro gruppo di cittadini attivi – spiegano in una nota – fa parte della rete delle Mamme da Nord a Sud, un gruppo di associazioni con protagoniste principalmente donne che sono in prima linea per la difesa dei propri territori da minacce di vario tipo. La rete delle Mamme da Nord a Sud vuole creare legami tra associazioni lontane geograficamente ma che condividono obiettivi e valori di salvaguardia dell’ambiente e della salute. Della rete fanno parte molti gruppi».

«Siamo arrabbiate – spiegano – perché nelle scuole entrano a fare educazione ambientale enti che si sono macchiati di danni al territorio. Chiediamo preoccupate al Miur e ai dirigenti scolastici di valutare i messaggi che passano e chi li testimonia». A Taranto, nei giorni di mercoledì 29, giovedì 30 e venerdì 31 gennaio, si svolge una serie di incontri di approfondimenti e confronti con il tema “Salute e qualità della vita a Taranto”. Questa iniziativa rientra in un progetto più ampio sostenuto da varie associazioni e gruppi di volontari locali e del sud che che si prefiggono di fare prevenzione primaria tramite la formazione e la sensibilizzazione dei cittadini agli stili di vita salutari al fine di favorire un cambiamento nelle abitudini quotidiane. Le mamme No pfas sono state invitate ad intervenire venerdi 31 gennaio: sarà proiettato il documentario “Quando le mamme si incazzano” di Andrea Tomasi e a seguire Michela Zamboni presenterà l’esperienza delle mamme No Pfas e la loro azione sul territorio per chiedere tutela dell’ambiente e della salute.

 

Tags: