Vicenza, macabro blitz animalista contro cacciatori: «Contenti se crepano»

«Una cerimonia di godimento con prosecco» questo è quanto annunciano alcune epigrafi apparse nella notte in diverse zone di Vicenza, che si prepara ad accogliere l’Hit Show, una mostra espositiva di armi. La cerimonia serve per festeggiare i cacciatori morti nel 2019.

«La pericolosità della caccia è dimostrata dal numero di persone che rimangono uccise, e molte di più ferite, in ogni stagione venatoria. Finché i cacciatori si sparano tra di loro, noi pensiamo abbiano solo quel che si meritano; ma purtroppo spesso viene colpito chi non c’entra, escursionisti, agricoltori o chi sta semplicemente nel giardino di casa à- spiegano gli animalisti in una nota -.Il fatto è che i cacciatori, incompetenti, spesso vecchi, molti dediti all’alcool, sparano su tutto quel che si muove. La caccia è un pericolo per tutti, oltre ad essere distruttiva per gli Animali, la natura, l’ambiente».

«In attesa di gridare tutto questo ai cacciatori davanti alla fiera della morte di Vicenza l’8 febbraio dalle 14 in poi (manifestazione autorizzata), militanti di “Centopercentoanimalisti” nella notte tra il 30 e 31 gennaio hanno attaccato in città e soprattutto in zona fiera a Vicenza, decine di epigrafi sarcastiche dirette ai cacciatori – spiegano ancora gli attivisti -. Nessun rispetto per gli assassini».

Tags: ,