Verso le Olimpiadi: il Teatro stabile del Veneto “sbarca” a Cortina

Siglato protocollo tra il Comune e l’ente teatrale: stagione al via il 12. Zaia: «Un’eccellenza in più»

Per la Regione del Veneto lo stretto connubio tra economia, turismo, sport e cultura è un dato di fatto e un obiettivo più volte raggiunto. L’accordo che oggi si sancisce tra il Comune di Cortina e il Teatro Stabile del Veneto dovrebbe fugare ogni dubbio, qualora qualcuno ne nutrisse ancora”. Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia saluta la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra il Comune di Cortina d’Ampezzo e il Teatro Stabile del Veneto per la programmazione e l’attuazione di un’ampia proposta culturale che comprende spettacoli teatrali, musicali e di danza.

”È importante che una delle capitali internazionali del turismo abbia scelto e voluto il Teatro Stabile come proprio partner – prosegue il Governatore – ed è altrettanto significativo che il Teatro del Veneto esca dai consueti itinerari per mettersi al servizio di una città che vede avvicinarsi le date importanti dei mondiali di sci e delle Olimpiadi. Un passo avanti verso l’obiettivo che lo Stabile si è dato: costruire una piattaforma unitaria del teatro della nostra regione”. ”Oggi – conclude il Presidente – sono molto felice di poter dire che la Regione, anche in questo caso, ha sostenuto gli sforzi di chi si sta prodigando per aumentare il numero delle eccellenze di cui già il Veneto si può fregiare”.

La stagione di CortinAteatro 2020, inizierà il 12 febbraio e termineràil 30 aprile: dieci gli appuntamenti in programma tra concerti, prosa e danza, in scena all’Alexander Girardi Hall, alla Basilica Minore dei Santi Filippo e Giacomo, al Cinema Eden.

Tags: ,