Autonomia, Boccia incontra Sardine. Fontana: «Io e Zaia invecchiamo»

A sollecitare l’incontro lo stesso movimento con una lettera a Conte: «Per troppo tempo il Sud non è stato considerato priorità»

Primi contatti tra Sardine e governo: la prossima settimana i portavoce del movimento incontreranno Peppe Provenzano e Francesco Boccia. L’incontro con il ministro del Sud è fissato per martedì mentre mercoledì sarà la volta di quello con il ministro delle Autonomie e Regioni. A sollecitare un confronto le stesse Sardine che avevano scritto una lettera al premier Giuseppe Conte per parlare di Sud, democrazia e sicurezza. Ma anche di autonomia, come avevano spiegato a Repubblica: «Crediamo che il testo sull’autonomia delle Regioni sulla legge quadro che il ministro Boccia sta sviluppando sia un tema delicatissimo, per il quale chiediamo attenzione e rispetto delle zone più svantaggiate del paese, non possiamo permetterci ulteriori disattenzioni su questo punto. Per troppo tempo il Sud non è stato considerato priorità nell’agenda di governo».

Il presidente della Lombardia Attilio Fontana si è lamentato su Facebook: «Tutto mi sarei aspettato, ma non che il ministro Boccia incontrasse le Sardine per affrontare il tema dell’Autonomia. Ciò avviene mentre noi, che rappresentiamo la volontà dei cittadini della Lombardia e del Veneto, che si sono espressi attraverso un referendum, stiamo invecchiando in attesa che qualcosa a Roma si muova. Se il ministro Boccia trova legittimamente il tempo per incontrare gruppi di cittadini su questa materia, gli segnalo che anche i miei cari amici della bocciofila hanno manifestato il medesimo interesse».

Fonte: Adnkronos

(ph: imagoeconomica)