«#Fiorellostattezitto, Tiziano Ferro mi ha scatenato contro l’odio»

Clima teso tra Fiorello e il cantante: «Parliamo tanto di cyberbullismo e poi questo? C’è gente che si butta dalla finestra. Non è giusto darmi del permaloso, sono stato coperto di insulti e minacce di morte»

E’ guerra a Sanremo tra Fiorello e Tiziano Ferro? Tutta colpa di un hashtag lanciato dal palco dell’Ariston dal cantante che, infastidito dal prolungarsi delle gag dello showman e dal fatto che le sue esibizioni erano state spostate in seconda serata, ha lanciato una frecciatina polemica: «È l’una Amadeus. Possiamo fare qualcosa domani? Grazie. Hashtag #FiorelloStatteZitto… scherzo». La battuta non è stata presa bene da Fiorello che sembra abbia minacciato di lasciare Sanremo (cosa poi smentita, ndr). Ferro ha provato a scusarsi pubblicato su Instagram la foto di un bigliettino scritto a mano rivolto allo showman. Tutto sembrava risolto con Amadeus che in conferenza stampa assicurava: «Nessun problema fra Fiorello e Tiziano Ferro. La battuta infelice di Tiziano ha fatto sì che qualcuno potesse prendere questa frase come una cosa vera, ma Tiziano è stato intelligente ad intervenire subito. C’è un clima bellissimo che non è stato scalfito neanche per un attimo».

Ma l’intervista sfogo di Fiorello a Selvaggia Lucarelli sembra suggerire il contrario. «Non è giusto darmi del permaloso come se mi fossi arrabbiato per nulla, accetto le critiche, accetto che si dica che non faccio ridere, qualunque cosa, ma Tiziano Ferro ha fatto una cosa che non si fa – ha sottolineato -. Tiziano Ferro un po’ di tempo fa ha detto in tv che le parole hanno un peso (a Che tempo che fa, a novembre), ed è vero. Dopo che ha lanciato sul palco l’hashtag #fiorellostattezitto, ho ricevuto insulti tremendi per 24 ore. Tu lanci un hashtag dal palco di Sanremo e sai cosa scateni, come se poi fosse colpa mia se ci sono 50.000 ospiti e si fa tardi la sera. Noi parliamo tanto di cyberbullismo e non valutiamo le conseguenze? C’è un vigile che si è suicidato in questi giorni per gli attacchi sul web. Vatti a leggere i commenti: “Devi morire perché il nostro Tiziano deve cantare”, “Merda, è lui la star!”. Lui lancia un hashtag, lo immagina che i suoi fan lo seguiranno e mi insulteranno. Ha fatto una cosa grave. Ha lanciato una campagna d’odio nei miei confronti. Io non la volevo questa polemica, non mi interessa, ma non posso passare per permaloso per questo, è una cosa troppo seria. Se non volevi allora dopo ti deve dispiacere, perché scateni violenza, abbiamo responsabilità nei confronti dei nostri figli, c’è gente debole, che si butta dalla finestra, io sono io, a me non me ne frega niente, però c’è chi non regge. Tiziano deve capire, deve crescere anche lui. Io sono stato male per gli insulti».

Tags: