Vicenza, ingressi ai musei in crescita

I turisti scoprono la città grazie alla mostra “Ritratto di donna” e dimostrano di apprezzare la nuova Vicenza card

Cresce il numero degli ingressi nelle sedi del circuito museale di Vicenza. É quanto emerge dai dati del mese di gennaio 2020 e fino alla prima settimana di febbraio, da cui risulta evidente la capacità attrattiva della grande mostra “Ritratto di donna“, ospitata in Basilica palladiana, ottimo biglietto da visita che invita i visitatori ad approfondire la conoscenza della città. Nel dettaglio, dall’1 gennaio fino a domenica 9 febbraio 2020 sono stati venduti 14.932 biglietti di accesso al circuito museale, per un incasso complessivo di 104.576,50 euro. Nello stesso periodo dello scorso anno, dall’1 gennaio a domenica 10 febbraio 2019 i biglietti venduti erano stati 10.093, con un incasso di 71.581 euro.

L’incremento è dovuto a diversi fattori. Già dall’1 ottobre 2019, prima in fase sperimentale, e dal 10 gennaio in via definitiva, è entrato in vigore il nuovo sistema di bigliettazione, adeguato al mercato del turismo culturale. Nella Vicenza card, con il recente inserimento di Basilica palladiana e Museo del gioiello, non sono più otto ma 10 le location visitabili. Le altre otto sono Teatro Olimpico, Museo Civico di Palazzo Chiericati, Chiesa di Santa Corona, Museo Naturalistico Archeologico, Museo Risorgimento e Resistenza, Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, Palladio Museum, Museo Diocesano. Si tratta di un notevole ventaglio di proposte che, grazie alla nuova card, il turista può visitare al costo complessivo di 20 euro. Inoltre è stato introdotto il biglietto speciale 4 musei che permette di scegliere quattro siti tra i 10 della Vicenza card, al prezzo di 15 euro. Dall’1 gennaio a domenica 9 febbraio 2020 sono state vendute 614 “Card 10 musei” e 1.780 “Card 4 musei”.

(ph: Facebook Mostre in Basilica Palladiana)

Tags: ,