Rimosso il “bancomat” per Prosecco: vittoria del Consorzio

E’ durata una manciata di settimane la presenza del distributore automatico in una strada di Londra. Bellanova: «Lotta alla contraffazione prioritaria»

“Bene il prezioso e centrale ruolo di vigilanza del Consorzio del Prosecco che ha immediatamente denunciato l’accaduto e messo fine  a questa frode ai danni dei consumatori inglesi. La lotta alla contraffazione a difesa dei nostri prodotti e l’usurpazione di nomi protetti italiani è tra le nostre priorità. Sostenere sui mercati internazionali il made in Italy, le nostre Dop, Igp e Stg è essenziale se vogliamo valorizzare al meglio il Made in Italy e mantenere alta la fiducia dei consumatori”. Così il ministro per le Politiche agricole Teresa Bellanova a proposito della rimozione da parte della Vagabond Wine del distributore automatico di “prosecco” installato qualche settimana fa in una strada londinese.

“La decisione assunta dai gestori è un atto dovuto che apprezziamo nella misura in cui ristabilisce una corretta informazione nei confronti del consumatore – ha dichiarato il presidente del Consorzio di tutela del Prosecco Doc, Stefano Zanette. “L’auspicio è che anche questo episodio si ponga in un percorso di presa di consapevolezza di come soltanto il rispetto delle regole rappresenti, all’estero come in Italia, la vera garanzia della qualità del prodotto e, perciò, di un rapporto leale verso i consumatori”.

 

Tags: ,