Caso Beschin, compaesana ghanese lo difende. Donazzan: «Orgoglio e appartenenza»

Edith Ward, cittadina italiana di Arzignano ha rivendicato la propria “bellezza africana”. Plauso dell’assessore Donazzan e Beschin: «Grazie. Tutto il resto è noia»

«Quanto orgoglio, quanta appartenenza, quanta verità in quello che ha detto questa straordinaria ragazza, bella e intelligente! Cara Edith, non potevi dare lezione migliore ai professionisti del ‘politicamente corretto’: le radici e la storia personale di ciascuno di noi è ciò che dobbiamo difendere e custodire sempre!». Così Elena Donazzan, assessore regionale alla Cultura, nonché fondatrice di Io amo il Veneto e recentemente entrata in Fratelli d’Italia, ha commentato il post di una 35enne ghanese, cresciuta ad Arzignano, che ha difeso Daniele Beschin. Il caso è quello esploso per il post dell’ex consigliere leghista e leader di Forza Nuova Vicenza, sulla modella nigeriana su Vogue.

«Sono Italiana ma rappresento la bellezza Ghanese. E ne sono fiera! Sì, sono fiera della mia bellezza e delle sue origini – scrive Edith Mikela Ward – Siamo venete ed italiane ma la nostra bellezza unica che fa parte di noi ed è la nostra radice, non la dobbiamo dimenticare. MAI».

«Grazie Mikela per queste parole semplici sincere e vere. Per giorni sono stato insultato e tacciato di razzismo per aver espresso un’opinione. Per giorni esponenti politici hanno evidenziato la loro pochezza sfruttando questo episodio per ritagliarsi quella visibilità di cui altrimenti non beneficerebbero. Ci sarebbero gli estremi per querele e altre polemiche ma non rientrano nel mio stile – è stata la risposta di Daniele Beschin, l’altro giorno anche ai microfoni di La zanzara – Ciò che mi rende particolarmente felice è che questa meravigliosa ragazza abbia inteso le mie parole e le condivida . Tutto il resto è noia. Mi farebbe solo piacere sapere se i paladini del buonismo, l’inedito duo Celebron – Variati, accuserà di razzismo anche lei…»

Tags: ,