Vicenza, scuole: più soldi ma meno iscritti

Aumentano i fondi a disposizione delle scuole superiori ma calano gli iscritti. E’ quanto emerge dall’incontro organizzato dalla Provincia di Vicenza, in particolare dal vicepresidente con delega alla programmazione scolastica, Maria Cristina Franco, e dal consigliere con delega all’edilizia scolastica, Cristina Balbi, con tutti i dirigenti scolastici degli istituti superiori vicentini coordinati dal dirigente del Miur Carlo Alberto Formaggio.

La Provincia mette a disposizione nel 2020 oltre 9 milioni di euro per la spesa corrente (utenze, piccole manutenzioni, spese di funzionamento) e oltre 14 milioni di euro per i lavori sugli edifici tra ampliamenti, ristrutturazioni, adeguamenti normativi. Altri 326mila euro sono destinati alle spese di progettazione e a un energy manager che avrà il compito di proporre soluzioni di risparmio energetico.

In aumento anche i grandi lavori, come l’ampliamento dell’istituto Parolini a Bassano del Grappa (4550000 euro) o del Garbin a Thiene (4300000 euro).  La cattiva notizia riguarda però le iscrizioni, come ha spiegato Formaggio: gli
studenti sono in calo. I nuovi iscritti passano infatti dagli 8.700 dello scorso anno agli 8.350 attuali, anche se c’è speranza che aumentino ancora un po’ grazie a qualche ritardatario.

Gli istituti tecnici guadagnano un +1,5% di preferenza passando dal 44% al 45,5% degli iscritti sul totale. Perdono un po’ i licei e gli istituti professionali.

(Fonte: Adnkronos)

Tags: ,