Padova, Scurati presenta il libro su Mussolini

Il Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova, il Centro Interuniversitario di Storia Culturale e il Progetto PREWArAs -The Dark Side of the Belle Époque. Political Violence and Armed Associations in Europe before the First World War – con il Corso di Dottorato in Studi Storici, Geografici, Antropologici organizzano per giovedì 20 febbraio alle ore 16.00 in Aula Bortolami del Dipartimento a Palazzo Luzzato Dina di via Vescovado 30 a Padova, l’incontro con lo scrittore e vincitore del “Premio Strega” 2019 Antonio Scurati, autore del libro su Mussoini “M-Il figlio del secolo”. Dialogheranno con Scurati Giulia Albanese, Michele Cortelazzo, Matteo Millan e Carlotta Sorba dell’Università di Padova.

L’incontro si inserisce nell’ambito dei “Seminari di storia culturale”, organizzati dal Centro Interuniversitario di Storia Culturale, dedicati quest’anno al rapporto tra storia e finzione.

«Affacciamo sulla piazza del Santo Sepolcro. Cento persone scarse, tutti uomini che non contano niente. Siamo pochi e siamo morti. Aspettano che io parli ma io non ho nulla da dire».

Così inizia “M, il figlio del secolo” di Antonio Scurati: è il 23 marzo 1919, giorno in cui a Milano in piazza San Sepolcro vengono fondati i Fasci di combattimento. Il libro narra la storia dell’ascesa al potere di Benito Mussolini e si chiude con il discorso del 1925, con cui cominciò la dittatura fascista.

Sei anni cruciali: dall’esordio e la fondazione di 31 Fasci con appena 870 iscritti, passando per le catastrofiche elezioni del 1919, la rifondazione di 800 nuovi Fasci e 250.000 iscritti, lo squadrismo, la trasformazione del movimento in Partito Nazionale Fascista, i primi deputati dopo le elezioni del 1921, la marcia su Roma del 1922, l’incarico a Mussolini, da parte del Re, di formare un nuovo governo, la legge elettorale Acerbo del 1924, la maggioranza assoluta (il 64,9%) alle le elezioni del 6 aprile di quell’anno, il rapimento e l’uccisione di Giacomo Matteotti il 10 giugno del 1924, fino al discorso del 3 gennaio 1925 in cui Mussolini dice “Dichiaro qui, al cospetto di questa Assemblea e al cospetto di tutto il popolo italiano, che io assumo, io solo, la responsabilità politica, morale, storica di tutto quanto è avvenuto”.

Pubblicato da Bompiani il libro «è la storia di un Paese che si consegna alla dittatura, la storia di un uomo (M, il figlio del secolo) che rinasce molte volte dalle proprie ceneri. La storia della Storia che ci ha resi quello che siamo».

(Ph. Facebook – Antonio Scurati)

Tags: ,