Video porno del candidato sindaco di Parigi: Griveaux si ritira

Ad averlo diffuso un artista russo: «Parla sempre di valori familiari, dice di voler essere il sindaco delle famiglie e cita sempre moglie e figli, ma fa tutto il contrario. Vuole guidare la città e mente agli elettori»

Benjamin Griveaux, ex portavoce del governo francese, e candidato del partito di Emmanuel Macron a sindaco di Parigi, ha ritirato la sua candidatura alle elezioni del prossimo marzo dopo la pubblicazione di un video porno su internet che lo vede protagonista. «Attacchi ignobili alla mia vita privata, mi ritiro perchè non voglio esporre la mia famiglia e me stesso ad altri attacchi dal momento che tutto è permesso», ha dichiarato.

Tutto è iniziato mercoledì sera quando un sito ha pubblicato un video con dei messaggi indirizzati ad una donna che sarebbero stati inviati da Griveaux. «E’ da oltre un anno che la mia famiglia e io siamo oggetto di dichiarazioni diffamatorie, menzogne, voci, attacchi anonimi, diffusioni di conversazioni private e minacce di morte. Ma con questo si è raggiunto un nuovo livello».

La rivendicazione

Piotr Pavlensky, controverso artista russo, ha rivendicato la diffusione del video e dei messaggi a carattere sessuale che hanno portato al ritiro della candidatura di Giveaux. L’ha detto a Liberation: «Ho ottenuto il materiale da una fonte che aveva una relazione consenziente con il candidato del partito La Republique en Marche del presidente Emmanuel Macron. Griveaux parla di valori familiari, dice di voler essere il sindaco delle famiglie e cita sempre moglie e figli in esempio, ma fa tutto il contrario. Non m’importa della sessualità degli altri… ma devono essere onesti. Lui vuole guidare la città e mente agli elettori. Ora vivo in Francia, sono parigino, per me è importante. Griveaux è stato il primo intendiamo continuare, l’attività del mio sito è appena iniziata. Il mio obiettivo è denunciare il puritanesimo in politica e l’ipocrisia dei suoi responsabili».

Fonte: Adnkronos

(ph: Wikipedia/Jacques Paquier)

Tags: