Denuncia due parroci per abusi, diocesi Treviso: «Fiducia negli accusati»

Un docente universitario, Gianbruno Cecchin, 48 anni, consegnerà in procura un fascicolo sulle violenze subite in seminario nel ’91

«Esprimiamo la nostra fiducia nei confronti dei due sacerdoti coinvolti e del loro lavoro, che è una fiducia in tutto il presbiterio diocesano».

Così la diocesi di Treviso dopo la bufera scatenata dalla pubblicazione su Il Gazzettino di ampi stralci della lettera di Gianbruno Cecchin, 48enne docente universitario, in cui accusa due sacerdoti, ora in servizio a Padova e a Vicenza, di averlo molestato sessualmente nel ’91, quando era in seminario (nella foto). La missiva è stata inviata al vescovo di Treviso, monsignor Michele Tomasi, a Papa Francesco e ad altre alte cariche ecclesiastiche. Cecchin ha annunciato che lunedì consegnerà un dettagliato fascicolo con la sua versione dei fatti alla procura di Treviso.

«È con dolore ma anche con serenità che stiamo procedendo per valutare i passi da fare, in tutte le sedi. Ribadendo la volontà di chiarezza, trasparenza e verità – si legge ancora – esprimiamo la nostra fiducia nei confronti dei due sacerdoti coinvolti e del loro lavoro, che è una fiducia in tutto il presbiterio diocesano» ha concluso la nota a firma del vicario dalla Diocesi di Treviso, Adriano Cevolotto.

(Ph Googlemaps)