Tradizioni venete: Bati Marso e Capodanno della Serenissima

Secondo la tradizione il 1 marzo è il Capodanno dei veneti (cao de ano). Questa festa ha origine nella repubblica della Serenissima che a sua volta riprende il calendario romano secondo cui l’anno iniziava a marzo. Nella tradizione veneta gli ultimi giorni di febbraio e i primi di marzo si va in giro battendo pentole, coperchi e barattoli per “chiamare” la primavera e risvegliarla facendo un gran “bacàn” (rumore).

In alcune zone del Veneto durante il Bati Marso gruppetti di giovani andavano sotto casa delle ragazze da sposare “assegnando” loro un marito, che a volte poteva essere un vecchio, per prenderle in giro. A seconda della loro reazione, potevano invitarli in casa a bere un bicchiere di vino oppure gettargli addosso acqua fredda o un vaso da notte. (Fonte: Euganeamente).