Olimpiadi dei cuochi: medaglia d’oro a due giovani veneti

La delegazione italiana, guidata dal vicentino Gianluca Tomasi, ha conquistato il titolo: in squadra il figlio Marco e la giovane Giorgia Ceccato di Padova

L’assessore regionale alla formazione del Veneto si complimenta con i giovani cuochi di Creazzo e di Treviso che hanno conquistato il primo posto con la Nazionale Italiana Cuochi nella categoria ‘Ristorante delle Nazioni’ alle Olimpiadi di Stoccarda. Le IKA Culinary Olympics sono la più importante gara internazionale di cucina, con squadre composte dai migliori chef provenienti da tutto il mondo: la vittoria conquistata dai 19 giovani chef della squadra italiana non era affatto scontata, ed è motivo d’orgoglio per il Veneto che ha dato i natali a ben 3 componenti del team azzurro: Gianluca Tomasi (team manager del compartimento gare alla sua ottava olimpiade) e Marco Tomasi di Creazzo e Giorgia Ceccato di Treviso.

“Gli chef vicentini Gianluca e Marco Tomasi sono padre e figlio di Creazzo, chef alla terza generazione seguendo le orme di nonno Alberto – dichiara l’assessore – molto conosciuti per l’attività di famiglia, la Cucina Tomasi, figure di riferimento nella tradizionale manifestazione del broccolo di Creazzo”.

”Il padre, Gianluca, ha insegnato per anni nelle nostre scuole della ristorazione: una riprova dell’alta qualità dell’insegnamento erogato dalle scuole della formazione professionale del Veneto – continua l’assessore – la vittoria a Stoccarda è motivo di vanto anche per la nostra Regione, che ogni anno impegna 95 milioni di euro del proprio bilancio per garantire i percorsi professionali e il sistema duale, contribuendo al successo di un sistema formativo-educativo che è tra i principali fattori della nostra capacità di competere in Italia e nel mondo”.