Clausola antifascista abolita, Anpi Vicenza: «Scendiamo in piazza»

«Questa scelta nega la minaccia culturale e politica e sottende la riabilitazione del fascismo»

«La decisione della giunta comunale di Vicenza di abolire la clausola antifascista nel regolamento COSAP rappresenta un fatto di inaudita gravità». Danilo Andriollo e Luigi Poletto rispettivamente presidente provinciale Anpi e presidente della sezione Anpi della città commentano così la modifica al regolamento Cosap e lanciano un appello: «Chiamiamo la città democratica e antifascista alla più ampia mobilitazione nelle modalità che saranno decise nei prossimi giorni in attesa del dibattito in Consiglio Comunale».

Quattro considerazioni:
1) l’eliminazione della clausola nega la minaccia culturale e politica del risorgente neofascismo ed è profondamente diseducativo per le giovani generazioni
2) L’evocazione della cosiddetta “pacificazione” è del tutto inappropriato e sottende la riabilitazione del fascismo il quale non è stato un regime autoritario benevolo, ma una brutale dittatura che ha distrutto la libertà, perseguitato gli oppositori politici, aggredito popoli inermi, introdotto le leggi razziali e condotto il Paese alla catastrofe dell’alleanza con il nazismo genocidario e alla guerra di aggressione
3) Vicenza è medaglia d’oro per il ruolo avuto nella Resistenza: questo provvedimento è uno sfregio e un affronto ai tanti giovani che 75 anni fa sacrificarono la loro vita per donarci quella libertà di cui oggi godiamo.
4) L’abolizione della clausola rende le componenti moderate del centro-destra succubi del neofascismo: nel Comitato di Liberazione Nazioanle non esistevano solo partiti di sinistra quali il PCI, il PSI e il Partito d’Azione, ma anche componenti moderate quali la DC, il PLI, la Democrazia Sociale. Oggi però la destra moderata risolve sé stessa nel neofascismo.

(ph: Facebook Anpi Vicenza)

Tags: ,