Ospedale Schiavonia, prefetto: «Tutti negativi i mille tamponi»

Arrivati gli esiti dei test effettuati sugli operatori dell’ospedale dove c’è stata la prima vittima del coronavirus

All’ospedale di Schiavonia, dove sono stati ricoverati i due pazienti di Vo’ Euganeo contagiati da coronavirus, di cui uno poi deceduto “sono stati fatti quasi mille tamponi sugli operatori, e per fortuna per ora non ce n’è nessuno positivo”. Lo ha sottolineato il prefetto di Padova, Renato Franceschelli al termine della riunione con tutti i sindaci della provincia di Padova , svoltasi oggi per fare il punto sull’emergenza coronavirus.

Il prefetto di Padova ha spiegato che “l’ospedale di Schiavonia continua a lavorare per le persone che oggi sono ricoverate, mentre l’Ulss sta riprogrammando l’attività ambulatoriale verso altri ospedali. Chemioterapia e radioterapia continueranno invece a essere fatte a Schiavonia perché sono in una palazzina separata”.

Davanti alla struttura è stato allestito un campo della protezione civile per consentire l’evacuazione progressiva delle 450 persone all’interno.

 

Tags: ,