Padova, messe sospese ma Basilica aperta al pubblico

Da questa mattina fino al primo marzo

In ottemperanza a quanto prescritto dall’Ordinanza del Ministero della Salute in intesa con il Presidente della Regione Veneto (Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019, emessa ieri, in accordo con l’Ordinario della Basilica, mons. Fabio Dal Cin, Delegato Pontificio, e con il Vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, per decisioni simili per la Diocesi, da questa mattina, e fino alle ore 24 di domenica 1 marzo in Basilica del Santo sono sospese le funzioni religiose di ogni tipo (sante messe festive e feriali, comprese quelle del Mercoledì delle Ceneri, sacramento della riconciliazione, benedizioni, via crucis, adorazione eucaristica).

La Basilica resta aperta al pubblico per la preghiera personale nel consueto orario (6.20 – 18.45), con l’invito ai devoti a evitare assembramenti di persone e a seguire le norme igieniche indicate nell’ordinanza. Nello stesso periodo resteranno inoltre chiusi tutti i siti museali del complesso antoniano: Museo Antoniano (accesso del Chiostro del Beato Luca Belludi), percorso multimediale immersivo Antonius (accesso dal Chiostro del Generale), Scuola del Santo e Oratorio di San Giorgio (entrambi con accesso dal sagrato della basilica). I frati del Santo affidano all’intercessione di sant’Antonio tutte le persone che stanno soffrendo per questa epidemia, coloro che hanno perso i propri cari e quanti si stanno prodigando per assistere i malati e per affrontare in maniera adeguata questa emergenza sanitaria.

Tags: ,