Venezia, albergatori: «Senza aiuti Coronavirus ci strangolerà»

L’Ava registra un crollo delle prenotazioni anche per marzo e aprile. «L’occupazione potrebbe andare sotto il 30%»

Daniele Minotto, vicedirettore dell’associazione veneziana albergatori riferisce all’Adnkronos che «le prenotazioni stanno crollando anche per i mesi di marzo e aprile. Alcuni hotel hanno deciso di chiudere e il timore è che l’occupazione media andrà sotto il 30%». Per questo motivo Ava ha chiesto un intervento al ministero del Lavoro sottoponendo le richieste della categoria ovvero ammortizzatori sociali straordinari per i lavoratori, moratoria sui mutui e canoni, moratoria su utenze energetiche e moratoria su scadenze fiscali.

«A noi serve un provvedimento ponte che, almeno per un paio di mesi, ci permetta di superare la nostra particolare situazione di crisi che si protrae dal 12 novembre scorso – aggiunge Minotto -. Con il Carnevale si stava iniziando a vedere una timida ripresa ma ora le cancellazioni vanno fino a maggio inoltrato. Siamo certi che con la primavera la virulenza di Covid 19 si attenuerà e potremo riprendere una piena operatività che ci permetterà di far fronte ai nostri impegni economici. Sei mesi di mancati incassi senza interventi ponte andrebbero però a strangolare le nostre aziende».

Fonte: Adnkronos

(ph: shutterstock)