Smaila: «Da piccolo presi l’asiatica ma non si fermò nessuno»

Il veronese: «I miei continuarono a lavorare e io rimasi a letto un mese come quasi tutta la mia classe. Chi, come me, ha vissuto quell’esperienza, si pone qualche domanda sulla situazione di oggi»

Umberto Smaila commenta su Twitter la situazione Coronavirus ricordando un aneddoto del passato. Il veronese scrive: «Da bambino presi l’asiatica e rimasi a letto un mese come quasi tutta la mia classe. Ci furono molte vittime e l’epidemia divenne famosa. Ma mio padre continuò ad andare in officina e mia mamma a insegnare. Quelli come me, che vissero quell’esperienza, si pongono qualche domanda».

(ph: Facebook Umberto Smaila)

Tags: ,