Aumentano gli acquisti di ebook per l’educazione continua in medicina

È cresciuta l’attenzione verso i professionisti sanitari che non rispettano il dovere di formazione continua in medicina. Il triennio 2017-2019 si sarebbe dovuto concludere al termine dello scorso anno, ma è stato deciso di approvare una proroga che andrà a spostare la scadenza al 31 dicembre 2020.

Questo provvedimento darà la possibilità ai professionisti che non hanno ancora raggiunto la soglia di 150 crediti formativi per il triennio 2017-2019 di tornare in pari e di mettersi in regola con l’obbligo di formazione continua. Saranno applicate delle sanzioni ai professionisti che non raggiungeranno l’obiettivo fissato entro il termine stabilito.

Nell’ultimo periodo si è osservato un aumento degli acquisti di ebook utili per prepararsi all’ottenimento dei crediti formativi. I libri in formato elettronico sono considerati dai medici e dai professionisti sanitari un ottimo sistema per apprendere le informazioni utili per superare i test finali. La conoscenza approfondita dei temi sanitari specifici, infatti, è necessaria per superare i corsi ecm ai quali si è effettuata l’iscrizione e per ottenere i crediti formativi a essi associati.

Come ottenere crediti ecm online

Per raggiungere la soglia dei 150 crediti fissata dalla Commissione Nazionale per la formazione continua sono disponibili diverse opportunità. Sono molte le attività che aiutano a accumulare crediti formativi, ad esempio l’attività di ricerca, la partecipazione ai convegni, la formazione residenziale classica e la docenza.

Esiste, come abbiamo visto, anche la possibilità di ottenere una parte o tutti i crediti ecm online, sfruttando la formazione digitale. Si tratta di un’opportunità interessante, perché viene data al professionista la possibilità di scegliere quali corsi seguire e, inoltre, di gestire il tempo a disposizione.

Può capitare, infatti, che gli impegni lavorativi non rendano semplice organizzare delle trasferte per prendere parte di persona a convegni e altre attività formative. Per venire incontro alle esigenze dei medici e dei professionisti sanitari, è stata potenziata negli anni un’infrastruttura digitale accreditata.

Attualmente, i professionisti possono quindi scegliere dei corsi ecm online accreditati, studiare il materiale in modalità e-learning e verificare le competenze acquisite tramite il test finale. Il suo superamento porta al completamento del corso e all’ottenimento dei crediti associati allo stesso. Ciascun corso ha un numero differente di crediti formativi, sulla base della quantità di materiale da studiare e della durata dell’insegnamento.

Crediti online: quanti se ne possono ottenere e come

I crediti ECM possono essere acquisiti in base alle esigenze del singolo professionista della salute, che avrà anche la possibilità di alternare la FAD alla partecipazione a lezioni o eventi tradizionali.

Questo significa che medici e odontoiatri potranno decidere di ottenere parte dei crediti partecipando a congressi e simili e parte dei crediti con la formazione a distanza, oppure potranno scegliere di ottenere tutti i crediti formativi con la FAD (o con la RES), fino al raggiungimento della soglia per il triennio.

L’ottenimento dei crediti ecm attraverso ebook accreditati è semplice, dal momento che si avrà tutto il materiale necessario a disposizione e piena libertà nella gestione del tempo. È stata l’Agenas a stabilire le regole di calcolo per i crediti ottenibili in questo modo. Nello specifico, al professionista sarà assegnato 1 credito per ogni ora di studio, mentre per lo studio con tutoraggio il valore sale a 1.5 crediti per ogni ora.

La formazione a distanza attraverso lo studio di ebook accreditati è la strategia consigliata sia ai professionisti che non hanno ancora raggiunto la soglia dei centocinquanta crediti per il triennio 2017-2019, sia a coloro che vogliono iniziare ad ottenere i crediti per il nuovo triennio 2020-2022. Si ricorda, infatti, che il nuovo triennio è già iniziato, nonostante sia stata approvata la proroga di un anno per la scadenza di quello precedente.

(ph: shutterstock)

Tags: