Meteo, torna la pioggia: temperature giù

Sabato nuvoloso, da domenica inizieranno le precipitazioni

Da sabato pressione in diminuzione, per l’arrivo di correnti occidentali convogliate da un’ampia depressione nord-atlantica: aumenterà la copertura nuvolosa e domenica potranno verificarsi le prime precipitazioni. Lunedì dalla suddetta depressione si approfondirà sulla Francia una saccatura, che transiterà sul Veneto martedì: in questa fase precipitazioni estese e più consistenti rispetto a domenica interesseranno la regione. Vediamo la previsione di Arpav per i prossimi giorni.

Sabato 29.
Poco o parzialmente nuvoloso per nubi medio-alte nella prima parte della giornata, con successivo aumento della nuvolosità fino a cielo molto nuvoloso o coperto in serata a partire dalle zone montane.
Precipitazioni. In prevalenza assenti; nel pomeriggio/sera probabilità in aumento fino a medio-bassa (25-50%) in montagna e bassa (5-25%) sulla pianura occidentale, per fenomeni locali con quota neve in prevalenza a 900/1100 m.
Temperature. In diminuzione in pianura, in aumento in quota; nelle valli variazioni locali nei valori minimi, massime in diminuzione.
Venti. In quota moderati/tesi da sud-ovest; nelle valli deboli variabili; in pianura deboli o a tratti moderati in prevalenza da nord-est, salvo sulle zone meridionali dove in alcune fasi soffieranno dai settori meridionali.

Domenica 1.
Nella prima parte della giornata cielo molto nuvoloso o coperto; in seguito annuvolamenti alternati a schiarite, più precoci sulle zone occidentali.
Precipitazioni. Probabilità alta (75-100%) soprattutto tra la mattina e il primo pomeriggio di precipitazioni diffuse di modesta o moderata entità. I fenomeni saranno meno probabili e più localizzati nel resto della giornata ed interesseranno fino al mattino maggiormente le zone montane e nel pomeriggio le zone orientali. Limite della neve intorno a 1100-1200 m sulle Prealpi e 800-1000 m sulle Dolomiti.
Temperature. Minime in aumento; massime in diminuzione in pianura, senza notevoli variazioni o in leggero aumento in montagna.
Venti. In quota da sud-ovest, inizialmente moderati, poi tesi soprattutto in alta quota. Nelle valli variabili. In pianura, nella prima parte della giornata moderati da nord-est, salvo sul mare e sul litorale meridionale dove soffieranno dai settori sud-orientali, in seguito deboli variabili.

Lunedì 2.
Cielo molto nuvoloso o coperto, salvo parziali schiarite a inizio giornata. Precipitazioni nelle prime ore locali, poi via via più diffuse e intense fino a risultare estese e consistenti a partire dal pomeriggio. Limite della neve intorno a 800/1000 m sulle Dolomiti e i 1000/1200 m sulle Prealpi. Temperature prevalentemente in diminuzione. In pianura intensificazione dei venti dai settori orientali fino a moderati/tesi.

Martedì 3.
Molto nuvoloso o coperto, con precipitazioni estese, frequenti e consistenti. Limite della neve in abbassamento fino sui 700/800 m sulle Dolomiti e 900/1000 m sulle Prealpi. Temperature in montagna in calo, in pianura minime in aumento, massime stazionarie o in locale diminuzione.

(ph: shutterstock)

Tags: