Marano Vicentino, Arcigay: «Coppia di fidanzate cacciate dal bar»

Il fatto è avvenuto l’altra sera in un locale del comune vicentino. L’associazione: «Avvilente e nocivo»

«Un’altra aggressione ad una coppia gay, questa volta nella nostra provincia, più precisamente a Marano, ad una coppia di ragazze prossima all’unione civile (21 marzo 2020) nel comune di Zanè».

La denuncia è stata postata da Arcigay Vicenza ieri, sabato, sulla sua pagina Facebook. Secondo quanto riferito dall’associazione, una coppia di fidanzate si è recata in un bar con un’amica per l’aperitivo, e lì sarebbe stata fatta oggetto di pesanti insulti da parte di alcuni clienti. Non solo: il terzetto sarebbe stato invitato a lasciare il locale dalla stessa barista, intervenuta a sostegno degli avventori offensivi.

«Non c’è modo per descrivere lo sgomento delle stesse, ed è grave, sopratutto, la presa di posizione della titolare, che ha lasciato le vittime basite, suscitando non poca rabbia e amarezza – commenta Arcigay –
La questione, nonostante i tempi che avanzano, persiste. Perché, ancora oggi, non è possibile essere se stessi nella vita di tutta i giorni? Perchè è ancora necessario nascondersi? Ma sopratutto, perché ancora non esiste una legge che tuteli la comunità? Perché è ancora possibile discriminare e non essere puniti? Come Arcigay Vicenza, vogliamo esprimere tutta la nostra vicinanza alle due ragazze per condannare e denunciare questo fatto che non è solo causa di sgomento, paura e stress, ma profondamente avvilente e nocivo alla dignità personale. L’azione della Associazione continuerà più forte nella tutela della comunità, affinchè casi come questo siano criminalizzati e sempre più rari».

 

Tags: ,