Meteo, piccola tregua dalla pioggia. Poi nuovo peggioramento

Temperature massime in aumento, minime in contenuta diminuzione

Ampie schiarite e maggiore escursione termica fino a giovedì mattina; il progressivo approfondirsi di una saccatura d’aria fredda in arrivo dal Nord Atlantico porta una relativa instabilità, con fasi molto nuvolose e alcune precipitazioni, alternate a spazi di sereno probabilmente più ampi in montagna sabato.

Mercoledì 4.
Cielo in prevalenza poco nuvoloso, salvo alcuni temporanei addensamenti, in particolare fino al primo mattino a sud-est e in seguito sulle zone interne; probabili nebbie sparse sull’entroterra pianeggiante nelle prime ore.
Precipitazioni. Probabilità nel complesso bassa (5-25%) in pianura e nulla o molto bassa (0-5%) in montagna, per fenomeni deboli e da sparsi a locali, fino al primo mattino a sud-est e nelle ore centrali all’interno eventualmente con qualche fiocco di neve da 800-1100 m.
Temperature. Minime in diminuzione; massime in aumento sull’entroterra pianeggiante e un po’ anche in varie valli, stazionarie o in leggero calo altrove.
Venti. In quota dapprima settentrionali da moderati a localmente tesi, poi da deboli a moderati occidentali; altrove inizialmente moderati nord-orientali su litorale sud e zone adiacenti, per il resto in genere deboli con direzione variabile.

Giovedì 5.
Cielo nelle prime ore da poco a parzialmente nuvoloso con alcuni spazi di sereno specie in pianura, poi da irregolarmente nuvoloso a molto nuvoloso o coperto; sulle zone pianeggianti, nelle prime ore saranno possibili locali nebbie.
Precipitazioni. All’inizio fenomeni assenti, salvo una probabilità nulla o molto bassa (0-5%) sulle Dolomiti di qualche fiocco di neve in quota; la probabilità poi aumenterà progressivamente, fino a risultare pressochè ovunque alta (75-100%) nelle ultime ore, per fenomeni da sparsi a relativamente diffusi e da deboli a localmente moderati con neve anche a fondovalle sulle Dolomiti e da 700-1000 m sulle Prealpi.
Temperature. Le minime subiranno una contenuta diminuzione soprattutto in pianura; massime stazionarie o in leggero aumento a sud-est, in moderato calo altrove.
Venti. In quota da moderati a tesi, generalmente dai quadranti occidentali, a tratti anche forti da sud-ovest nella seconda parte della giornata; nelle valli deboli con direzione variabile, salvo possibilità di locali moderati rinforzi dal pomeriggio; in pianura nelle prime ore deboli di direzione variabile, poi moderati sud-orientali sulla costa e nord-orientali sull’entroterra, occasionalmente anche tesi alla sera.

Venerdì 6.
Tempo un po’ instabile, con molti addensamenti nuvolosi specie nelle ore più fredde e alcune schiarite soprattutto in quelle diurne; fino al primo mattino e verso fine giornata saranno più probabili varie precipitazioni, da sparse a temporaneamente diffuse ed anche a carattere di rovescio, nevose da 900-1200 m sulle Dolomiti e 1100-1400 m sulle Prealpi; le temperature aumenteranno, salvo locale stazionarietà di qualche minima nelle valli o qualche massima in pianura.

Sabato 7.
Sulla pianura nella prima parte della giornata cielo molto nuvoloso con possibili precipitazioni sparse a locale carattere di rovescio soprattutto a sud-est, in seguito variabilità con addensamenti nuvolosi alternati a crescenti spazi di sereno; sulle zone montane cielo da poco nuvoloso a sereno, salvo addensamenti sparsi nelle prime ore, con ampi spazi di sereno nel resto della giornata; temperature in calo, anche per una ventilazione nord-orientale a tratti significativa specie in prossimità della costa.

(ph: shutterstock)

Tags: