Castiglione d’Adda, il sindaco: «Siamo senza medici, aiutateci»

Nel comune della zona rossa lombarda, 4.600 abitanti, sono già morte 15 persone. Pesatori chiede presidi d’urgenza

Drammatico appello sul sito de La Stampa, del sindaco di Castiglione d’Adda, Costantino Pesatori: «Abbiamo un elevato numero di decessi e siamo senza medici: aiutateci».

Nel comune della zona rossa lombarda, che comprende anche Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini, sono morte già 15 persone, di cui due solo l’altro giorno, uno di 55 anni. Castiglione fa 4600 abitanti. Dei 5 medici di base, due sono ricoverati in ospedale e tre in quarantena, e al sostituto arrivato volontario da Brentonico, «non sono state fornite le necessarie protezioni» denuncia Pesatori.

La richiesta: istituire nei due ospedali oggi chiusi dei «presidi d’urgenza, anche attraverso i medici dell’esercito». E, in quello per iscritto inviato alla prefettura, chiede di «inviare medici e operatori sanitari e strumentazione per eseguire radiografie domiciliari».

 

 

Tags: