Coronavirus, disabile a Barcellona per cure: respinto perchè veneto

La famiglia vive a Verona. Il padre a Tgcom24: «Ci hanno detto che veniamo da una “zona rossa” e che hanno seguito i protocolli. Ci siamo sentiti discriminati»

«Ci hanno respinti perchè veniamo da una “zona rossa“». E’ questa la denuncia fatta ai microfoni di Tgcom24 di una famiglia di Verona che si stava recando a Barcellona perchè il figlio disabile 15enne doveva sottoporsi a delle cure. E’ stato proprio il direttore del centro a respingerli: «Dicono di aver seguito i protocolli. Ci siamo sentiti discriminati».

Il padre del ragazzino disabile, che necessita di quelle cure per evitare che la sua malattia peggiori, ha inoltre dichiarato che due giorni prima lo stesso centro aveva confermato che era tutto ok e non sono stati avvisati di eventuali cambiamenti. Dal centro è arrivata una lettera di scuse: hanno spiegato di aver scambiato il 15enne per un altro paziente e alla famiglia è stato assicurato un rimborso.

(ph: shutterstock)

 

Tags: ,