Ederle: «Chi vive in zona rossa non venga al lavoro»

Il comando Usa di stanza a Vicenza preferisce non far usufruire delle deroghe per motivi di lavoro

I militari e dipendenti civili della base militare americana a Vicenza, U.S. Army Garrison, che abitano in aree della ‘zona rossa’, e che non devono svolgere “attività essenziali”, sono invitati “domani a rimanere a casa“. E’ quanto si legge sulla pagina Facebook della base in cui si comunica che con il nuovo decreto varato dal governo italiano per contrastare la diffusione del coronavirus vi sono restrizioni “che limitano i movimenti in alcune aree”.

“Ogni militare, dipendente civile, contractor o professionista del Paese ospitante che risiede in una dei queste aree – si legge sul post – deve coordinarsi con il proprio superiore o comandante per determinare se la loro è una attività essenziale. Se lo è, domani presentatevi al lavoro. Se non lo è per favore domani rimanete a casa”.

Nel post si conferma che, in accordo con le misure adottate nel Paese ospitante, ‘le nostre scuole nella base continueranno ad essere chiuse fino a prossima notifica e continueranno le lezioni digitali”. Si
ricordano poi di seguito tutte le sospensioni di eventi e chiusure di luoghi pubblici previsti dal decreto.