Coronavirus, Gruppo Calzedonia chiude tutti i negozi in zone rosse

Il presidente Veronesi: «Non vendiamo articoli di prima necessità quindi ci sembra giusto fare tutto quello che è in nostro potere per tutelare la salute»

«Il gruppo Calzedonia, per dare seguito alle indicazioni del governo di ridurre al minimo le occasioni di contagio, ha deciso di chiudere i propri negozi nelle zone cosiddette rosse, per tutti i suoi marchi». Lo comunica in una nota il gruppo guidato da Sandro Veronesi.

I marchi interessati sono Calzedonia, Intimissimi, Intimissimi Uomo, Tezenis, Falconeri, Signorvino, Atelier Emé, outlets. «Poiché non vendiamo articoli di primaria necessità – sottolinea il presidente – ci è sembrato giusto cercare di fare quanto in nostro potere, per tutelare al massimo la salute dei nostri clienti e dei nostri dipendenti».

(ph: shutterstock)