«Martini vuole rinvio voto a Venezia? Una brutta uscita»

La consigliera della Municipalità del centro storico Tonon (Gruppo Misto): «Mentre l’italia fa i conti con le misure più drastiche mai varate dal dopoguerra, tu da aspirante sindaco dici questo?»

«Se il voto viene rinviato aumentano le possibilità di battere Brugnaro». Lunedì 9 marzo Giovanni Andrea Martini, candidato sindaco di Venezia con la lista “Tutta la città insieme!” commentava così su Vvox la possibilità di rinviare le elezioni comunali a causa dell’emergenza Coronavirus ribadendo poi la sua posizione con un post Facebook ora cancellato.

A rispondere alle affermazioni di Martini ci pensa il consigliere alla municipalità del centro storico Cecilia Tonon (Gruppo Misto), che sempre su Facebook scrive: «Presidente Martini, è da ieri che ci penso e te lo devo proprio dire. Mentre il Presidente del Consiglio annunciava la più drastica e tragica delle misure varate per l’Italia dal dopoguerra, mentre noi ci interroghiamo su come dare da mangiare ai nostri figli e come salvare dal contagio i nostri genitori, mentre gli insegnanti fanno i salti mortali per non far perdere l’anno ai propri allievi e i datori di lavoro non sanno dove sbattere la testa…. tu, che evidentemente questi pensieri non li hai, te ne esci così. Quasi felice di poter approfittare dello slittamento delle elezioni, quasi che il tuo unico pensiero sia quello di battere Brugnaro, quasi convinto che i mesi in più siano solo una cosa che gioca a tuo favore. “Non avremo un sindaco che fa campagna elettorale per se stesso”, ma è quello che stai facendo tu da presidente di municipalità. Una brutta uscita. Tantopiù da uno che aspira a diventare sindaco».

(ph: Facebook Cecilia Tonon)

Tags: ,