Martini sta con Zaia: «Screening di massa anche a Venezia»

Il candidato sindaco con “Tutta la città insieme!”: «Venga fatta anche una mappatura completa della città. Sono le vie che ci indicano Wuhan e Vo’ Euganeo»

«Non possiamo non salutare con favore le nuove misure adottate dal governo sul fronte sanitario e sociale. Anche il rigore che dal presidente della Regione viene indicato come metodo per combattere il diffondersi del coronavirus, ci sembra finalmente rispondente alla situazione che si sta vivendo». Queste le parole di Giovanni Andrea Martini, presidente della Municipalità di Venezia e centro storico e candidato sindaco con “Tutta la città insieme!”.

«Ci auguriamo che tale attenzione venga rivolta anche alla nostra città. Ci sentiamo anche di dover indicare una via che, seppur complessa e costosa, viene supportata dal pensiero scientifico e dai fatti concreti. Ed è la via che la città cinese di Wuhan e l’esperienza italiana di Vò ci indicano: quella dello screening di massa e la mappatura completa della città. Risulta infatti assolutamente fondamentale per bloccare la diffusione del virus identificare i soggetti asintomatici che costituiscono la causa più rilevante del diffondersi della malattia e di identificarli il più precocemente possibile. Naturalmente, accanto a questo scenario, auspicabile in prospettiva, occorre ribadire a tutti l’invito tassativo a rimanere a casa. Per il bene proprio e di tutti. Ci auguriamo, infine, che da questa emergenza e da quanto sta accadendo il nostro sistema sanitario nazionale possa uscirne rafforzato», conclude.

Tags: ,