Terrore nel laboratorio tessile: tenta di uccidere i capi con una mannaia

L’episodio è avvenuto nella notte di ieri a Ceneselli (Ro). Arrestato un cittadino cinese, irregolare. Gravissime le due vittime, connazionali, marito e moglie

Nelle prime ore di oggi, 17 marzo, i carabinieri della compagnia di Castelmassa e della stazione di Ficarolo, nel Rodigino, hanno tratto in arresto in flagranza per tentato omicidio un cittadino cinese 46enne, domiciliato a Ceneselli, irregolare sul territorio nazionale.

L’uomo, dipendente di un laboratorio tessile di Ceneselli, all’interno del laboratorio stesso, verso le ore 22 del giorno precedente, per ragioni ancora in corso di accertamento, armato di una “mannaia” si e’ scagliato contro i titolari dell’azienda, due suoi connazionali marito e moglie, entrambi 42enni, ferendoli gravemente.

I coniugi, soccorsi dal personale del 118 sono stati trasportati presso l’ospedale di rovigo dove sono tuttora ricoverati in prognosi riservata: l’uomo perche’ attinto da alcuni fendenti, di cui uno all’altezza della giugulare (versa in pericolo di vita); la donna perche attinta da alcuni fendenti al capo e volto.

L’aggressore e’ stato rintracciato poco dopo nelle vicinanze dell’azienda dai carabinieri prontamente intervenuti sul posto. A seguito della colluttazione anche lui ha riportato delle ferite alla mano, che sono state medicate dai sanitari, prima di essere condotto in carcere a Rovigo.

Tags: ,