Sport all’aperto, Spadafora: «Oggi si può, domani forse no»

Il governo sta meditando un’ulteriore stretta all’attività fisica esterna. Intanto la Regione Emilia Romagna vieta giri in bici e passeggiate

“E’ assurdo che ci si debba dividere tra chi vuole e chi non vuole che si vada a correre. Siamo nelle giornate forse più difficili di questa emergenza sanitaria, il senso di responsabilità vuole che ognuno di noi rinunci a qualcosa. Non è possibile continuare a vedere in molte parti del paese assembramenti,
allenamenti di gruppo, vedere le persone non rispettare le distanze: è assolutamente sbagliato”.

Lo dice il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora a SpecialeTg3. Quindi stop alle corse di gruppo, e “se
questo non avverrà nelle prossime ore dovremo intervenire con un provvedimento”, quindi, tira le somme Spadafora: “Oggi non è vietato” fare sport all’aria aperta, “domani potrebbe esserlo“.

Il governo sta infatti attendendo i dati sull’incremento dei contagi prima di emettere misure ancora più restrittive. Ieri la Regione Emilia Romagna ha emesso un’ordinanza che vieta spostamenti lontano da casa, a piedi o in bici, se non per comprovata necessità.

Tags: