Sport in casa per bimbi: i consigli dell’Iss

L’Istituto superiore di sanità ha rilasciato un vademecum per far fare “sport” e giochi ai bambini costretti a restare a casa ma che hanno comunque bisogno di muoversi e divertirsi. Questo in attesa di avere una risposta chiara sulla possibilità o meno di praticare attività sportiva all’aperto. Attività non vietata esplicitamente dal decreto, ma sconsigliata da molti sindaci che in questi giorni hanno chiesto misure più severe.

«Per i neonati sotto l’anno di età, gli esperti consigliano 30 minuti di gioco-attività fisica al giorno; per i bambini nella fascia d’età 1-2 anni i minuti al giorno salgono a 180; per chi invece è più grande 3-4 anni sempre 180 minuti al giorno
ma con 60 minuti dedicati ad una attività da moderata a vigorosa», spiega l’Iss.

«Per i più piccoli da 0 a 6 mesi sono consigliati giochi davanti allo specchio. Quando già sono in grado di camminare si possono inventare giochi sull’imitazione degli animali e percorsi di psicomotricità, come superare un ostacolo», sottolineano gli esperti dell’Iss. «Alcune attività sono invece adatte a tutte le fasce d’età: ballo, salti, capriole, stretching, per migliorare la coordinazione dei movimenti; la musica per favorire il movimento e la coordinazione, stimolare il linguaggio e l’apprendimento; il disegno e la manipolazione con paste modellabili per stimolare la creatività, la motricità e gli aspetti sensoriali. E poi – si legge ancora nel vademecum Iss –  la lettura comune ad alta voce e poi autonoma per stimolare il linguaggio, l’apprendimento e l’interazione».

(Ph. Shutterstock)

Tags: