Due frati della Basilica del Santo positivi: scatta quarantena

«Continueremo a pregare Sant’Antonio per chi sta vivendo, direttamente e non direttamente, la malattia»

Anche i frati del convento del Santo di Padova sono in quarantena dopo alcuni casi di positività. E’ quanto ha comunicato stamani la comunità francescana conventuale, i cui religiosi martedì sono stati tutti sottoposti al tampone per il Covid-19, dopo che due confratelli, alcuni giorni fa, avevano manifestato sintomi influenzali. La comunità ancora il 12 marzo aveva comunicato attraverso il sito ufficiale di aver scelto «di ridurre all’essenziale eventuali contatti con persone al fine di collaborare come tutti a evitare il diffondersi dell’epidemia». Nonostante tutte queste difficoltà, la basilica ha continuato a restare aperta alla preghiera privata dei fedeli, fatti salvi i già
noti accorgimenti di sicurezza sanitaria per contrastare il diffondersi del virus.

«Pur in isolamento i frati della Basilica del Santo vivono con serenità questo momento difficile e condividono ancor più le sofferenze dei malati e delle loro famiglie. Continueranno a pregare in particolare per chi vive, direttamente e indirettamente, la malattia, il personale sanitario, le istituzioni politiche, le forze dell’ordine, i volontari e tutti coloro che stanno aiutando chi soffre. Ringraziamo sant’Antonio perché i frati colpiti dal virus non risentono in modo particolare del contagio – commenta padre. Oliviero Svanera, Rettore della Basilica -. Pensiamo sia importante continuare a far sentire la nostra presenza, seppur in questo periodo affidata ai soli mezzi digitali, alle tante persone che vedono in sant’Antonio un amico, di cui noi frati siamo in un certo senso la “voce”».

Tags: ,