Coronavirus, Baldin (M5S): «Possibile focolaio a Valli di Chioggia»

«Ho inviato una lettera al Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, e al Direttore Generale della Sanità del Veneto, dottor Domenico Mantoan, in cui esprimo loro la mia forte preoccupazione nei confronti delle vicende che mi vengono segnalate nella frazione di Valli Di Chioggia. I cittadini residenti asseriscono che nelle ultime settimane si sarebbe registrato un andirivieni di ambulanze e sarebbero state ricoverate diverse persone con sintomi riconducibili al Covid-19». Lo afferma in un comunicato la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, Erika Baldin, che spiega in particolare che: «Si sono verificati già due decessi di persone affette da Coronavirus. Per una piccola frazione di circa 2000 abitanti, i dati sono allarmanti. Per il momento, come affermano con convinzione i residenti, si contano: 5 positivi asintomatici in quarantena presso la propria abitazione; 6 positivi ricoverati presso le strutture ospedaliere: 13 in quarantena, di cui 12 appena usciti dal periodo di controllo senza sintomi. Solo in data 20 marzo, mi sono stati segnalati 4 casi positivi accertati con tampone, di cui 2 ricoverati presso l’ospedale di Dolo».

«Tuttavia, il Direttore Generale dell’Ulss3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben, non ha ritenuto vi fossero le condizioni per attenzionare Valli Di Chioggia in maniera più rigorosa rispetto al resto del territorio – denuncia l’esponente Pentastellata – .Pertanto, chiedo che venga presa in seria considerazione l’opportunità di fare tamponi a tutta la popolazione residente nella frazione e di creare una tensostruttura atta a offrire prima assistenza/informazione ai cittadini più anziani che non seguono i canali più diretti di comunicazione».

Tags: ,