Covid-19 in Francia, Philippe e 4 ministri denunciati per «omicidio involontario»

Le accuse formulate da singoli cittadini e associazioni sono anche di «aver messo in pericolo la vita altrui, di mancato soccorso e di non aver preso per tempo misure atte a contenere l’epidemia»

La Corte di Giustizia della Repubblica francese ha ricevuto cinque denunce contro esponenti del governo
riguardanti la loro gestione dell’emergenza coronavirus. Queste azioni legali, promosse da singoli individui non malati o da associazioni, riguardano il premier Edouard Philippe oltre all’ex ministro della Salute Agnès Buzyn e al suo successore Olivier Véran accusati di aver messo in pericolo la vita altrui, di omicidio involontario, di mancato soccorso e di non aver preso per tempo misure atte a contenere l’epidemia.

La Corte di giustizia è l’istanza giuridica competente a giudicare atti commessi da membri del governo nell’esercizio delle loro funzioni. Tra le denunce non è presente quella preannunciata alcuni giorni fa da tre medici, rappresentanti di un collettivo di dipendenti del servizio sanitario.ù

(Ph Imagoeconomica)

Tags: