«Virus più aggressivo con uomini: donne tornino al lavoro per prime»

L’idea della virologa Capua: «Dobbiamo farci trovare pronti per la post-quarantena: si potrebbe pensare di usare la popolazione femminile un po’ come se fossero semafori rossi»

La virologa Ilaria Capua, ospite a DiMartedì, ha risposto alla domanda del conduttore che chiedeva se ci fossero delle evidenze scientifiche che il Coronavirus colpisce di più le donne rispetto agli uomini. «Questo è un dato molto interessante che va però confermato. Ma sembrerebbe effettivamente che questo virus sia più aggressivo nei maschi. Questo è un elemento da tenere presente: la scienza ci sta dicendo delle cose».

Secondo la Capua questo potrebbe essere usato nella post-quarantena: «Dobbiamo essere pronti quando le misure di restrizione saranno sollevate. Fra le strategie di mitigazione di contagio si potrebbe pensare, quando si ripopola con la forza di lavoro, di usare la popolazione femminile un po’ come se fossero dei semafori rossi. Le donne quindi potrebbero andare a lavorare prima. Così magari voi trovare l’ufficio in ordine», conclude scherzosamente.

Tags: