L’importanza dei contenuti di valore per avere successo online

Quando si decide di sbarcare con la propria attività sul web, scegliendo dunque di avventurarsi in un mondo senza confini e ad alto tasso di competitività, bisogna fare mente locale su alcune regole e aspetti chiave che serviranno a far ottenere risultati performanti al proprio business. La questione chiave riguarda innanzitutto l’aspetto della visibilità, tradotto: la sola presenza online non potrà mai risultare sufficiente a intercettare il pubblico target. Occorre strutturare un progetto di web marketing con il team di esperti di una web agency come Eviblu a Vicenza, partendo dallo studio sia del settore di riferimento che degli specifici obiettivi di business da raggiungere. Affinché il sito aziendale – oppure il blog personale – riceva e veda aumentare nel tempo le visite degli utenti, un ruolo di primo piano sarà rappresentato dal content marketing. Il traffico potrà essere generato andando a offrire continuamente agli utenti della Rete contenuti di valore e ad alto tasso di competenza, in modo da stimolarne la fidelizzazione: l’esperienza online deve essere sempre completa, così da agevolare il passaparola virtuoso (soprattutto attraverso i social network). Questa è solo una delle strategie per trovare nuovi clienti: bisogna sempre porre al centro il concetto di ‘customer journey’, ovvero quel processo che qualifica il contatto e le interazioni tra l’azienda e i consumatori. Un alto livello di gradimento faciliterà la conclusione dell’acquisto. Quanto sono importanti i contenuti di valore per avere successo online? Moltissimo e anzi non bisogna fare l’errore – in fase di progettazione della strategia – di ritenerlo un elemento marginale o superfluo.

Gli effetti positivi per il business e la comunicazione aziendale

Uno dei pilastri nell’architettura di un buon progetto online è rappresentato dai contenuti di valore (la regola aurea recita infatti ‘content is king’) che potranno essere proposti agli utenti sotto forma di post, articoli/news oppure approfondimenti testuali. Un’operazione essenziale non soltanto al miglioramento della comunicazione aziendale ma perfetta anche per favorire il miglior posizionamento su Google. Stiamo parlando di aspetti intimamente connessi tra di loro: da un lato c’è la volontà di essere trovati attraverso determinate keywords (a loro volta frutto di un attento studio), mentre dall’altra c’è la necessità – una volta intercettati gli utenti – di trattenerli e interessarli al punto da convincerli a completare un acquisto di prodotti o servizi. Il monitoraggio riveste un aspetto essenziale del content marketing, visto che – se necessario – mette in grado i tecnici di andare a intervenire sul piano editoriale per aumentare il traffico. Si potranno selezionare determinati contenuti da veicolare che rendano la comunicazione più sintetica, incisiva o tecnica a seconda di quelle che sono le necessità. Questi contenuti potranno essere inseriti all’interno di determinate sezioni ad hoc, come ad esempio consigli o blog, approfondimenti o novità. Se vi state chiedendo quali siano le tempistiche e le quantità relativamente alla diffusione di informazioni – nel caso in cui la necessità sia rinnovare un sito o andare a caccia di utenti – è possibile affermare che, in genere, si dovranno pubblicare almeno una decina di contenuti ottimizzati. Questo, naturalmente, dopo aver definito i relativi intervalli di tempo per distanziarli e rendere la loro presenza omogenea.

Tags: