Patriarca Venezia: «Silenzio Europa colpa troppo grande, imminente emergenza fame»

Parole dure da parte di Moraglia nell’omelia di oggi: «Il silenzio, soprattutto il silenzio di chi deve parlare e se non parla, diventa una colpa troppo grande»

«In questo momento l’Europa dimostra di non esserci: l’Europa che dice con i suoi leaders, i suoi più prestigiosi rappresentanti e che esprime le visioni e gli interessi di una parte, e coloro che sono stati eletti e occupano alcuni posti ci stanno dicendo questo». E’ stato duro il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia nella sua omelia di oggi.

Il patriarca di Venezia ha quindi ammonito : «e nei prossimi mesi ci sarà l’emergenza sociale, l’emergenza della fame, con un’Europa che non c’è quando dovrebbe esserci: lo dico con grande tristezza pensando a quello che l’Europa potrebbe essere, lo dico da cittadino italiano e
da cittadino europeo, ricordando che sono vescovo e non faccio politica, ma sento che il silenzio, soprattutto il silenzio di chi deve parlare e se non parla, diventa una colpa troppo grande».

«Siamo di fronte a un’emergenza sociale imminente ed è inutile dirlo troppo tardi , diciamolo o subito, prepariamoci, e L’Europa potrebbe farci vedere in questa emergenza quanto è essenziale, decisiva, importante», ha avvertito mons. Moraglia.