Aiuti per la spesa, in Veneto 28 milioni distribuiti dai Comuni: come funziona

Possono essere erogati sia attraverso buoni spesa e sia per l’acquisto diretto

«È attraverso i Comuni che passa la gestione e la distribuzione di beni, previste dall’ordinanza del Capo della Protezione Civile, riguardante le misure urgenti di solidarietà alimentare. Raccomandiamo ai cittadini interessati di rivolgersi, quindi, al Comune di appartenenza ed in particolare agli uffici dei servizi sociali. La Protezione civile, sia regionale che locale, non ha alcun coinvolgimento diretto e il susseguirsi di richieste ad essa indirizzate, anche solo per informazioni, rischiano di interferire e sovraccaricare il lavoro già importante che sta conducendo nelle attività legate all’emergenza Coronavirus». Con queste parole il vicepresidente della Giunta regionale del Veneto, Gianluca Forcolin, assessore agli Enti Locali, si rivolge agli interessati che, numerosi, da questa mattina si rivolgono alla Protezione civile per dettagli e informazioni sulle erogazioni conseguenti all’ordinanza del 20 marzo scorso.

«I Comuni provvederanno alla gestione dell’approvvigionamento dei beni e alla loro distribuzione. Sono, quindi, il riferimento esatto per ogni informazione utile da parte dei cittadini. L’ordinanza, infatti, nell’attribuire le risorse da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare, le ripartisce tra i Comuni di ogni Regione in base al criterio della popolazione residente e a quello del reddito pro capite di ciascun Comune».

Il documento stabilisce che i Comuni, sulla base della somma destinata e di eventuali donazioni ricevute, in deroga alle procedure previste dal Codice degli Appalti (D.lgs. 50/2016), possono procedere a:
• acquisire buoni spesa, utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali il cui elenco ogni Comune pubblicherà nel proprio sito istituzionale;
• acquistare direttamente generi alimentari o prodotti di prima necessità.

«Il coinvolgimento degli enti locali – conclude Forcolin – è determinante e fondamentale per la conoscenza e il contatto diretto con la realtà locale. Per l’acquisto e la distribuzione di tali beni, infatti, i Comuni possono avvalersi degli enti del Terzo settore. Non ultimo, i soggetti beneficiari ed il relativo contributo spettante ai nuclei familiari, sono individuati dagli uffici sociali di ciascun Comune, tra i nuclei più esposti agli effetti dell’emergenza epidemiologica e tra quelli in stato di bisogno, con priorità tra quelli già non assegnatari di sostegno pubblico».

Il deputato del Partito Democratico Roger De Menech precisa: «Abbiamo stanziato altri 400 milioni di euro a favore delle persone che, in tutta Italia, hanno serissimi problemi ad arrivare a fine mese in una situazione normale, figuriamoci in questo periodo di blocco totale dell’economia. Al Veneto sono destinati quasi 28 milioni di euro. Dispiace sentire colleghi amministratori e qualche sindaco lamentarsi. Ricordo che il provvedimento è stato preso a seguito di un accordo tra governo e Anci, l’associazione nazionale dei Comuni. I fondi sono destinati a tamponare situazioni di emergenza alimentare, cioè all’acquisto di cibo e provviste di primaria necessità per le persone che oggi non hanno i soldi per comprarle. Spero che l’intervento del governo venga affiancato dalle altre istituzioni, dalle Regioni in particolare e dal Veneto per quello che ci riguarda. Abbiamo bisogno che tutti facciano il massimo per mettere a disposizione risorse a favore dei nostri concittadini, soprattutto per le partite Iva, i commercianti monoreddito e i micro imprenditori».