Porro: «Il panico e la paura sono peggio del Coronavirus»

«Sono sentimenti che si stanno diffondendo nella nostra società che accetta limitazioni alla libertà che oggi sono sacrosante ma domani potrebbero diventare prevaricatrici»

«Sono guarito. Questo è il foglio della Asl Roma 1, che dopo due tamponi negativi mi ha comunicato che da questo momento in poi sono libero, almeno di andare a fare la spesa da solo». Lo comunica Nicola Porro, colpito da Coronavirus nelle settimane scorse, con un video su Twitter. «Non è stata una passeggiata – ammette il vicedirettore de Il Giornale – è passata dopo tanto tempo, ma il mio pensiero è a quelle famiglie che hanno un familiare che non ce l’ha fatta perché, a differenza mia, sono morti».

«Oltre al virus, quello che bisogna veramente sconfiggere è il panico. La paura non aiuta a sconfiggere il virus, né quando ce l’hai, né quando senti i primi sintomi: è una tremenda sensazione che mi sembra si stia diffondendo nella nostra società che oggi accetta limitazioni alla propria libertà, limitazioni che oggi sono sacrosante ma domani potrebbero diventare prevaricatrici. Tremendo quello che sto dicendo ma se posso fare un invito è quello di pensare che questa malattia si sconfigge che il virus peggiore per la società è farsi paralizzare da questa malattia», conclude.

Tags: