Serenissima Ristorazione e Caffè Vero donano una “pausa” ai medici del San Bortolo

Le due aziende vicentine hanno messo a disposizione macchine per il caffè e 20 mila cialde: «Il nostro grazie a chi si prende cura di noi ogni giorno»

L’emergenza coronavirus ha coinvolto ogni settore della società, con le persone che oggi si trovano di fronte ad una condizione difficile da affrontare e che sta mettendo alla prova la tenuta degli ospedali e delle strutture sanitarie. I medici, gli infermieri e il personale sociosanitario che lavora nei diversi ospedali d’Italia, stanno dedicando tutte le loro energie per curare il maggior numero possibile di malati e riportare progressivamente il Paese alla normalità. Lo sforzo che tutti loro compiono per salvare vite umane è grandissimo così come il loro cuore ma anche la loro stanchezza davanti ad una emergenza che prospetta ancora tempi lunghi e ulteriori sforzi da compiere.

Consapevoli di questa situazione, Serenissima Ristorazione e Caffè Vero hanno deciso di fornire un piccolo ma significativo contributo, mettendo a disposizione macchine per il caffè e 20mila cialde per tutti gli operatori sanitari che operano nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Bortolo di Vicenza, dove attualmente sono ricoverate numerose persone affette da Covid-19.

Con questo piccolo gesto le due aziende vogliono essere vicine a coloro che tutti i giorni si prendono cura di noi e della nostra salute, offrendo loro la possibilità di godersi un piccolo piacere quotidiano, sorseggiando un caffè in compagnia di colleghi o degli altri operatori di reparto che con loro vivono ogni giorno questo momento di grande difficoltà. «È importante che anche in questi momenti si mantengano, per quanto possibile, tradizioni e abitudini che sappiano riportarci alla normalità, anche se ciò significa semplicemente godere di un buon caffè. Vogliamo dunque ringraziare tutto il personale che opera in prima linea offrendo un indispensabile servizio alla comunità. A tutti loro dedichiamo il nostro impegno nel restare a casa e vogliamo far loro sapere che sentiamo forte il loro messaggio #andràtuttobene perché sappiamo che voi siete al nostro fianco. Grazie».

(ph: shutterstock)

Tags: ,