Caorle offre vacanza e cena agli angeli della sanità

Voucher per medici, sanitari, volontari della protezione civile e forze dell’ordine impegnati in prima linea nella lotta contro il Coronavirus. «E’ il nostro modo per ringraziarli»

Mentre medici, sanitari, volontari della protezione civile e forze dell’ordine sono impegnati a lottare in prima linea contro la pandemia da coronavirus, a Caorle gli operatori del settore turistico e della ristorazione hanno voluto far sentire la loro vicinanza con un’iniziativa per ringraziare gli operatori sanitari che da settimane combattono in prima linea contro il Covid19. Si tratta di un voucher che garantirà una vacanza gratuita per due persone ed una cena per due al ristorante in una delle tante strutture di Caorle che hanno aderito all’iniziativa a chi in questo momento sta compiendo un lavoro impagabile per la salute e la salvaguardia pubblica. L’iniziativa è promossa da Confcommercio Caorle e Federalberghi Caorle, la neonata associazione che ha riunito in un unico soggetto sindacale tutti gli albergatori della città, in collaborazione con Caorle.it, il principale portale web dedicato alla località balneare.

«Stiamo tutti vivendo un momento davvero particolare, ma c’è chi si è trovato a dover affrontare in prima linea questa emergenza, mettendo a rischio la propria incolumità per salvare le vite degli altri – ha spiegato Loris Brugnerotto, presidente di Federalberghi Caorle -. Noi operatori dell’accoglienza in questo momento non possiamo fare altro che ringraziare queste persone offrendo qualcosa che sia in linea con quanto sappiamo fare. Per sdebitarci del grande servizio reso da queste persone abbiamo quindi deciso di offrire loro la possibilità di trascorrere gratuitamente qualche giorno di meritato riposo nella nostra Caorle, località rinomata per la sua tranquillità, per i suoi servizi e per la sua cucina gustosa. Proprio per questo, grazie a Confcommercio, abbiamo coinvolto i ristoratori che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa». «E’ un modo nuovo per dire grazie a chi finora si è impegnato in prima persona in questa battaglia che il nostro Paese sta affrontando coraggiosamente e con risultati positivi – ha aggiunto il presidente di Confcommercio Caorle, Corrado Sandrin -. Gli operatori di Caorle non vedono l’ora di festeggiare la fine dell’emergenza con chi vorrà partecipare a questa iniziativa. Abbiamo presentato questa iniziativa anche alla Regione Veneto ed inviteremo sicuramente a Caorle il Governatore Luca Zaia quando accoglieremo i primi angeli».

Come funziona

I medici e gli infermieri, gli agenti delle diverse forze dell’ordine ed i volontari della protezione civile italiani che stanno svolgendo il proprio servizio specificamente nella lotta alla proliferazione del coronavirus (da chi è impiegato nei reparti dove si trattano i malati da Covid19, a chi deve pattugliare le strade per garantire il rispetto delle norme restrittive introdotte dal governo, o i volontari che consegnano le mascherine nelle case degli italiani o stanno assicurando il proprio impegno in favore delle istituzioni e degli ammalati) dovranno connettersi al sito www.caorle.it/angeli per richiedere il voucher che dà diritto ad una vacanza per due persone completamente gratuita in un albergo (per tre notti) o in un appartamento (per sette notti), oltre ad una cena per due in uno dei ristoranti aderenti all’iniziativa. Nella richiesta dovrà essere indicata la posizione lavorativa oltre alla casella di posta elettronica lavorativa-istituzionale che permetterà di verificare la regolarità delle richieste e presso la quale sarà poi inviato il voucher-vacanza da spendere a Caorle. L’iniziativa è rivolta principalmente a medici e forze dell’ordine del
Veneto, ma saranno accettate richieste anche dal resto d’Italia (fino all’esaurimento dei posti disponibili).