«Coronavirus, vaccino entro l’anno ma serve centro europeo distribuzione»

«C’è un rapporto che dice che ci sono 42 vaccini allo studio. I tempi sono ragionevoli, probabilmente per la
fine dell’anno. Alcuni hanno già avviato la sperimentazione animale». Silvio Garattini, farmacologo e presidente dell’Istituto ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano, in un’intervista alla trasmissione radiofonica “Circo Massimo” su Radio Capital, dà un messaggio più ottimistico di quello del direttore generale aggiunto dell’Oms che parlava di un vaccino per l’inizio del 2021.

Ma, avverte, Garattini, serve evitare che ci sia una corsa egoistica dei Paesi a tenerselo per sè: «bisogna prepararsi: se il vaccino arriva prima in un Paese x, non arriverà subito nel Paese y. Serve un centro europeo che, quando un vaccino sarà pronto, possa fare in modo di trasferirlo per la produzione in altri paesi».

Tags: