«Nessun timore di contagio, in caso di dolore toracico bisogna andare al pronto soccorso»

L’appello della Cardiologia di Arzignano. In molti sottovalutano i sintomi dell’infarto, ma non farsi controllare per paura del Covid-19 espone a danni irreparabili

Azienda Ulss 8 Berica, Vicenza, 7 aprile 2020 – In caso di dolore toracico, soprattutto nella fascia di età a rischio (55-75 anni), non sottovalutiamo i sintomi e andiamo in ospedale. L’appello arriva dalla Cardiologia dell’ospedale di Arzignano, dove nelle ultime due settimane si è assistito ad un fenomeno inedito, come spiega il suo direttore, il dottor Claudio Bilato: «In queste settimane, in Cardiologia, abbiamo registrato una notevole riduzione degli accessi per angina pectoris e infarto miocardico. Questo è un fenomeno che sta emergendo un po’ in tutti gli ospedali d’Italia e va detto che poiché è improbabile che la malattia coronarica si sia improvvisamente ridotta drasticamente come incidenza, la spiegazione più probabile, per non dire certa, è che molti malati preferiscono evitare di recarsi in ospedale, sottovalutando i sintomi, per il timore di esporsi al contagio».

Una precauzione dietro la quale però si cela un pericolo maggiore: «Tale comportamento espone a rischi maggiori di un eventuale contagio stesso: la malattia coronarica, se non trattata prontamente, porta infatti a danni irreparabili al cuore, compromettendo seriamente il futuro stato di salute. Per questo motivo, in caso di dolore toracico non bisogna esitare a ricorrere alle cure mediche ospedaliere. Tanto più che ad Arzignano, come in tutti gli altri ospedali, sono stati definiti percorsi di accesso differenziato che consentono di recarsi al Pronto Soccorso in piena sicurezza, senza pericolo di contagio».