Bellanova: «Regolarizzare 600 mila clandestini per far ripartire economia»

Il ministro all’agricoltura spiega che una situazione del genere rischia di favorire il caporalato. «Basta ipocrisia e testa sotto la sabbia»

Il ministro all’agricoltura Teresa Bellanova ha scritto una lettera al Foglio dove concorda sulla necessità di mettere in regola circa 600 mila immigrati durante questo periodo di emergenza da coronavirus. «Basta ipocrisia e testa sotto la sabbia. É la mia risposta alla domanda di Carlo Stagnaro e Luciano Capone nella riflessione su quei 600 mila clandestini da regolarizzare per far ripartire l’economia italiana». Questo regolarizzazione spetta all’Anpal, l’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, che, secondo Bellanova, non ha mai fornito risposte adeguate.

Una situazione del genere rischia di favorire il caporalato che «è mafia», commenta Bellanova senza giri di parole. «O siamo noi, la politica, chi governa, a farci carico fino in fondo delle contraddizioni che il reale ci impone sotto gli occhi, o se ne farà carico qualcun altro: la criminalità».

(ph: imagoeconomica)

Tags: