A Veronafiere postazione “drive-in” per tamponi: «Fino a 300 al giorno»

A gestirla l’azienda Ulss 9 Scaligera insieme a Croce Rossa, Croce Verde, Comune di Verona e Protezione civile

A Verona è attivo un nuovo presidio nella lotta al Covid-19. Ad ospitarlo le strutture di Veronafiere. Da oggi, infatti, nel padiglione 10 della fiera è operativa una postazione sanitaria per effettuare in modo rapido tamponi per la diagnosi del Coronavirus. A gestirla l’Azienda Ulss 9 Scaligera, insieme a Croce Rossa, Croce Verde, Comune di Verona e Protezione civile.

Il test è accessibile soltanto su chiamata del Servizio igiene e sanità pubblica (SISP) ed è destinato a pazienti che hanno concluso il periodo di quarantena, a personale sanitario e altri dipendenti pubblici che lavorano a stretto contatto con i cittadini. A pieno regime, l’obiettivo è quello di eseguire fino a 300 tamponi al giorno, grazie alla modalità “drive-in clinics” che consente l’arrivo in auto e il prelievo del campione attraverso il finestrino, senza la necessità di scendere dal mezzo. L’ingresso per il laboratorio mobile si trova alla porta E della fiera, in via Belgio.

Tutte le attività mediche si svolgono nel rispetto delle norme di sicurezza sanitaria vigenti ed è prevista una sanificazione giornaliera del padiglione utilizzato. «Mettendo a disposizione spazi e personale per l’allestimento e la gestione del presidio, la Fiera e i suoi soci vogliono fare la propria parte in questa emergenza, per essere ancora più vicini con gesti concreti alle persone e al territorio» commenta Maurizio Danese, presidente di Veronafiere Spa.

Tags: ,