Moretti (Pd): «Sì all’obbligo vaccino influenzale, Zaia faccia come Zingaretti»

L’europarlamentare del Pd: «Con il Covid non si scherza, voglio sperare che questa pandemia abbia messo a tacere anche l’ultimo dei no vax»

Alessandra Moretti, europarlamentare del Pd, è preoccupata per un «rigurgito no vax in una terra come il Veneto dove per anni mi sono battuta personalmente per l’obbligo vaccinale e che ha visto il presidente Zaia ricorrere addirittura alla Consulta pur di evitarlo. Con il Covid non si scherza, voglio sperare che questa pandemia abbia messo a tacere anche l’ultimo dei no vax e ricordo che in Veneto il protrarsi per anni della mancanza dell’obbligo ha riacceso pericolosi focolai di morbillo».

«A Zaia dico: faccia subito come Zingaretti nel Lazio, preveda l’obbligo del vaccino antinfluenzale, già da metà settembre, per le fasce più a rischio della popolazione, bambini ed over 60 e per tutti gli operatori sanitari che avranno a che fare ancora con i reparti Covid degli ospedali e con le strutture di accoglienza per anziani o disabili -prosegue-. Faccia una campagna vaccinale a tappeto che abbia come obiettivo quello di coprire una ampia fascia della popolazione veneta. Si tratta di un grande impegno per la tutela della salute pubblica, un investimento necessario per tutelarci dalla seconda ondata di Coronavirus , utile anche per ridurre i fattori di concomitanza con il Covid, come raccomandato l’istituto superiore della sanità . Davvero adesso è il tempo della serietà, non delle ideologie, mi auguro che il presidente Zaia voglia accogliere questo appello».

(ph: imagoeconomica)

Tags: