Il sindaco-medico veneto: «Stato italico fallito, organizziamo ribellione»

Szumski denuncia una «Illegittima e immotivata sospensione di minime e fondamentali libertà del cittadino»

«Abbiatene tutti coscienza, finalmente anche i creduloni: lo stato italico, come affermo da tempo, è fallito e la vicenda Coronavirus ne sta dimostrando a tutto spessore la entità». Inizia così il post su Facebook di Riccardo Szumski, medico e sindaco di Santa Lucia di Piave (Treviso), famoso anche per prescrivere spesso le sue ricette in veneto. «Classi politiche clownesche sino al ribrezzo, quadri dirigenti delle burocrazie ministeriali e cortigiani in cerca di continue prebende inverecondamente incapaci e deresponsabilizzati, tutti trincerati tra un formale rispetto delle regole prive di connessione con la realtà quotidiana e la adulazione per i benefattori di turno che li posizionano in cariche in cui non rispondono della mala gestio in nessun caso».

«Task Force e controforce di ogni genere, esperti sinanco della pulitura dei cessi con acclusi portaborse igienici, decreti di plurimi articoli per spaccare in quattro un capello e dimostrare una oscena calvizie cerebrale: il nulla tranne la illegittima ed immotivata sospensione di minime e fondamentali libertà del cittadino. A questo punto non solo è possibile ma è doveroso ribellarsi. Come iniziare ci stiamo ingegnando, in sicurezza, ci mancherebbe e nianca da mone…. Follow me..», conclude.

Fonte e ph: Facebook Riccardo Szumski