«La quarantena sai, è come il Veneto…»: la nuova canzone di Checco Zalone [VIDEO]

Un Checco Zalone in stile Modugno che canta “Immunità di gregge”

Un Checco Zalone in stile Modugno quello nel video della sua nuova canzone “Immunità di gregge“. Il comico e cantautore è accompagnato da Virginia Raffaele. Ecco video e testo.

Ricordo le ultime parole, aspetta che sboccino le viole. Febbraio è troppo triste e fuori piove. Te la darò di marzo, il giorno 9. Ma l’8 fu quel giorno buio e tetro che il presidente disse “almeno un metro”. Da allora aspetto invano in questa stanza. Due cose stringo in mano, una è la speranza. Arriverà l’immunità di gregge, sui monti e sulle spiagge, la pecora più bella sarai tu. Amore mio, vedrai tutto andrà bene, e l’ultimo tampone sarò io per Te. La quarantena sai, è come il Veneto, spegne i focolai piccoli ma può accenderne di grandi, come quello che arde nel mio cuore. Lui non resta a casa, il mio cuore va per le strade, scavalca muri, varca portoni, perché anche un cuore si rompe i co…ni. Arriverà l’immunità di gregge sui monti e sulle spiagge, la pecora più bella sarai tu. Amore mio tu dimmi solo dove, ti porto un 19 che Covid non è.

Alla fine della canzone si vede Zalone, sempre in versione Modugno, che, rivolto alla signora che stende i panni sul terrazzo, dice: «Irina, oggi è la tua giornata fortunata. Sai cos’è un toy boy…?».